Criticità organizzative presso la Casa Circondariale “F. Uccella” di Santa Maria Capua Vetere

Questa C.S. da tempo segnala forte criticità organizzative presso l’istituto penitenziario sammaritano, criticità che si sono acuite nel tempo a causa di un inefficiente turnover, a causa di forti scompensi tra diritti soggettivi da garantire al personale e la stessa sicurezza del “F.Uccella”.
Purtroppo, ancora una volta non possiamo esimerci a segnalare alla S.V. quanto ci viene lamentato dal personale di polizia penitenziaria colà di servizio.
Parrebbe che spesso si ricorra all’ accorpamento di più posti di servizio; che ci siano serie difficoltà a beneficiare della MOS (mensa ordinaria di servizio) a causa della mancanza di cambi, che il programmato mensile subisca continue variazioni; che spesso non è garantito il riposo settimanale programmato e che durante la notte vi è un
continuo ricorso ad accorpare più posti di servizio a discapito della sicurezza del penitenziario, ma soprattutto dello stesso personale di polizia penitenziaria. Tra i reparti con maggiore difficoltà, sembrerebbe che il reparto Tevere sia quello che subisce la peggiore disorganizzazione.

Sicuri in un intervento riparativo sotto il profilo organizzativo del lavoro al fine di tutelare il benessere del personale, attualmente messo in discussione da gravi eventi critici, con spirito collaborativo e migliorativo, questa C.S. resta in attesa di riscontro, anche con il supporto di un aggiornamento del PIL, nel frattempo l’occasione è gradita per porre distinti saluti.

Condividi su