VII Corso di Formazione per 691 Vice Ispettore del Corpo di Polizia Penitenziaria –
astensione dalla consumazione del pasto in mensa e sit-in di protesta.

A partire da domani 7 novembre, per tutta la durata degli esami e fino al 14 novembre p.v. data in cui si terrà probabilmente, presso la sede del Ministro della Giustizia, sit-in di protesta, i 691 Poliziotti Penitenziari partecipanti al VII Corso per la qualifica di Vice Ispettori si asterranno in blocco dal consumare il pasto nelle mense di servizio dell’Amministrazione Penitenziaria.

Ciò, al fine di attrarre l’attenzione del Governo per quanto riguarda la procedura che obbligherà alla mobilità forzata almeno 449 tra i 691 vincitori del concorso, Poliziotti con elevato grado di anzianità o prossimi alla pensione, che pur avendo legittimamente conseguito un avanzamento di carriera sarebbero costretti a trasferirsi a centinaia di chilometri di distanza, lontani dalle famiglie oppure a rinunciare alla promozione.
Senza contare gli oneri per lo Stato ed il fatto che, nel tempo, gran parte di questo personale è stato oggetto di formazione da parte del medesimo, disperdendo così la professionalità acquisita nei luoghi di servizio.
Perché, “deportare” quasi 500 persone con un’età media di servizio già di 20-30 anni, cioè prossime al collocamento a riposo, quando molte carenze potrebbero essere colmate con il prossimo concorso, già bandito, ad accesso diretto nel Corpo nel medesimo ruolo, provenienti dall’esterno, che garantirebbe la presenza di neo Ispettori di giovane età.

Si resta in attesa di cortese riscontro e si porgono distinti saluti.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *